Come avere la casa sempre pulita e ordinata?

Affrontando la questione alla radice!

 

Homefulness è una mia sintesi tra Home e Mindfulness. Per chi non la conosce la Mindfulness è una pratica meditativa che porta ad avere consapevolezza di ciò che si sta facendo nel momento in cui lo si sta facendo.

Homefulness, che ho in seguito tradotto non letteralmente nella frase “naturalmente organizzati” è avere piena coscienza del proprio spazio abitativo nel momento presente e sentirlo in armonia con il nostro essere.

Ora vediamo perché un simile approccio olistico all’abitare può avere un concreto riflesso positivo sulla nostra salute fisica e mentale e risolvere definitivamente la questione di avere la casa sempre pulita e ordinata.

 

Le basi della vita naturalmente organizzata

 

Alla base della consapevolezza della qualità momentanea del nostro esistere c’è il portare l’attenzione sul respiro. Allo stesso modo la casa ha un suo ritmo “respiratorio” che è bene far fluire il più possibile in maniera naturale per trarne una sensazione di relax e calma.

Così come polmoni puliti e liberi dallo smog consentono di respirare in maniera ottimale e se capita che si congestionino ci attiviamo per liberarli con appositi sciroppi, il decluttering, ovvero ripulire la casa da tutti gli oggetti inutili o sgraditi, è la base di partenza (e non una moda) per avere una casa in buona salute.

Per spiegarti meglio questo ragionamento ti faccio un altro esempio pratico: potrebbe secondo te una commessa da sola gestire senza fatica un negozio di abbigliamento di 50 mq?

un negozio pieno di vestiti e oggetti fino al soffitto sopra, un negozio ben organizzato sotto

 

La risposta è senz’altro sì nel caso in cui si tratti di un negozio ben organizzato e con un numero di capi contenuto e senz’altro no se il suddetto negozio è stipato di stand appendiabiti pieni fino all’orlo.

Anche tu, come la commessa dell’esempio, sei soltanto una a prescindere dall’ampiezza dello spazio che hai da riordinare e pulire quindi:

minore è il numero degli oggetti da riordinare e manutenere, minore sarà il tempo necessario per portare a termine queste attività e la possibilità di riuscirci.

 

Non esistono casinisti senza speranza!

 

Abbiamo delle vite così piene di cose da fare in un tempo limitato che siamo sempre tutte in affanno, anche quelle che, come me, di cose da fare ne hanno meno di altre.

Perché? Semplice, viviamo in un’epoca storica dove la connessione istantanea digitale crea un’illusione che ci confonde. Va tutto così veloce che siamo portate a credere di essere lente e inadeguate, quando l’essere umano ha quasi la stessa velocità di pensiero dell’intelligenza artificiale ma certamente non la stessa velocità d’azione pratica!

un orologio fatto con un'arancia ci ricorda di rallentare per fare le cose per bene - con il giusto tempo si può mantenere la casa sempre pulita e ordinata

Hai presente quei giochi online passatempo dove si può coltivare, arredare, cucinare etc.? Sono deleteri. Basta premere un tasto per riordinare una stanza, preparare una cena dall’antipasto al dolce per 12 persone, curare animali, raccogliere un campo intero di verdura. Figo eh? Sì, ma se lo devi fare davvero il tasto da premere non c’è.

Per fare le cose e farle per bene ci vuole tempo. Se quindi, ad esempio, sei fuori di casa dieci ore al giorno per andare a lavorare e magari hai figli da crescere, devi prenderti cura di te perché non puoi certo andare in giro come fossi lo yeti (e fai bene), vuoi trovare il tempo di fare palestra o leggere o vedere gli amici i conti sono presto fatti: per pulire e riordinare casa di tempo ne hai poco.

 

Sì però vorrei riuscirci

 

Brava, è importante. Se dopo le suddette dieci ore fuori casa rientri e la trovi da sistemare e pulire da cima a fondo è normale essere assalita da frustrazione e stress.

Vuoi mettere tornare e trovarla a posto, pulita e profumata? E’ chiaro che la tua disposizione mentale e di conseguenza l’umore ne beneficerebbero drasticamente.

Quello che devi accettare è di mettere da parte la tua falsa convinzione (e se vogliamo scusa ufficiale) di essere una casinista senza speranza e fare un percorso, investendo del tempo, per trovare il tuo equilibrio con la tua casa e di conseguenza con te stessa.

Qualcuna è boicottata dalle persone con cui vive; se fosse da sola riuscirebbe senza problemi ma marito e figli non ci sentono. Anche in questo caso la soluzione c’è ed è educarli al benessere di una casa armonica, all’abitare consapevolmente e anche questo richiede tempo.

 

Io la pazienza ce l’ho, voglio impegnarmi

 

Ottimo! Sappi però che la tua è una scelta coraggiosa perché dovrai metterti in gioco sul serio e ti ci vorrà impegno per ottenere un risultato “definitivo”.

Dovrai imparare innanzitutto che una casa vissuta non è come quella delle riviste. Non si può pensare di non avere in giro e fuori posto nemmeno un oggetto e che non ci sia un granello di polvere a meno di non essere ossessivo-compulsivi.

una casa da rivista, vuota e non vissuta

 

Si deve accettare che la casa la abitiamo noi esseri umani, tutti soggetti a cicli e periodi durante il corso della nostra esistenza (le donne in particolar modo) e che non potrà mai essere identica ogni minuto, la casa muta ogni giorno con noi perché è il nostro guscio e con noi risuona.

 

La casa dopo la cura

 

su un divano ci sono dei libri e un caffè

Sappiamo tutti che è ormai comprovato scientificamente quanto le emozioni positive influiscano beneficamente sulla nostra salute fisica e mentale. Con questo tipo di approccio che ti ho descritto sopra fai un’operazione sul tuo rifugio, il tuo guscio, che ti predispone a soggiornarci con gioia e soddisfazione prendendo consapevolezza interiormente che necessita della stessa cura che dedichi a te stessa.

Prima togli le eventuali incrostazioni, che sono tutti gli oggetti inutili e sgraditi (fase 1, decluttering); poi rivedi gli spazi e li ottimizzi rispetto a ciò che succede nella tua vita presente, alle tue necessità del momento (fase 2, riorganizzazione degli spazi). Infine la abbellisci, colori e profumi come piace a te (fase 3, space clearing).

Hai presente quando devi uscire per un’occasione importante? Non vai in tuta, su. Prima ti fai una doccia, poi ti vesti il più comoda possibile in base allo stile che ti piace in quel momento e infine ti guardi allo specchio e ti pettini, ti trucchi e aggiungi gioielli e accessori. E’ facile, no? 🙂

Se non l’hai ancora fatto ti invito a raggiungermi sulla pagina Facebook e nel neonato gruppo Rosa Relax dove scopriremo giorno dopo giorno come si arriva all’equilibrio con la propria casa.

Se senti che ora è il tuo momento giusto per agire scopri come posso aiutarti, ho studiato percorsi adatti alle diverse esigenze e ancora per poco tempo sono in offerta lancio.

Agata

ottimizzazione spazi abitativi

Tornare a casa non è più una gioia perché pensi a quanto lavoro hai ancora da fare per pulirla e riordinarla?

Nell’ambiente che occupi quotidianamente ci sono troppe cose e non trovi mai quello che ti serve subito?

Continui a girare a vuoto e non concludi tutto ciò che vorresti?

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Post che potrebbero piacerti