Se i sogni diventano obiettivi puoi realizzarli

Fare chiarezza dentro di sé per trasformare i desideri in progetti

 

Molte volte può succedere di prefiggersi obiettivi lontani dai nostri bisogni autentici per la difficoltà di fare chiarezza dentro di sé e ascoltarsi, altrettante di essere fagocitati dalla quotidianità e procedere senza direzione.

Da dove nasce l’insoddisfazione? Cantava John Lennon che la vita è quel che succede mentre noi facciamo altri piani ed è così.

caffè versato su documenti un imprevisto

Capita spesso di stabilire di far qualcosa in una data giornata e che accadano invece una serie di imprevisti che ce lo impediscano.

E’ importante liberarsi delle aspettative per poter cogliere le opportunità che la vita offre ed essere felici, stare nel presente in altre parole.

D’altro canto il lasciarsi liberi di essere non può certo diventare la scusa per affidare tutto il caso e attendere o pregare che ciò desideriamo ci piombi sulla testa come un meteorite.

E’ possibile ad ogni modo trovare un equilibrio e poiché diversi studi hanno provato che esistono dei sistemi per rendere gli obiettivi raggiungibili, provarci con tutte le risorse disponibili prima di dire che la tal cosa che vogliamo è fuori portata diventa un dovere verso se stessi.

 

Dal caos al focus, come schiarirsi le idee

 

La prima cosa da fare per rendere un desiderio o un sogno realizzabile è capire cosa ci spinge a volerne raggiungere la concretizzazione, fare chiarezza dentro di sé.

Per quanto si possa essere bravi a pianificare, se non sappiamo perché vogliamo raggiungere un risultato potremmo facilmente smarrirci lungo la strada. Il pericolo che può distoglierci dal traguardo è la mancanza di motivazione.

Partiamo quindi a fare chiarezza in noi stessi circa l’insoddisfazione di non avere abbastanza tempo per fare tutto facendoci delle semplici domande e dandoci una risposta scritta.

 

Perché lo voglio?

 

Portando il ragionamento nel concreto, se decido che voglio perdere 2 kg., smettere di fumare, comprarmi la macchina nuova o fare un corso di fotografia, devo avere chiaro quali sono le emozioni e le ragioni che mi spingono a desiderare quella cosa piuttosto che un’altra per non farmi demotivare dalla prima difficoltà che incontro.

una bimba al mare salta felice, fare chiarezza dentro di sé è divertente

Queste emozioni e ragioni devono inoltre essere necessariamente le mie personali per funzionare, per quanto stupide o prive di logica possano apparire agli altri.

Ecco perché se il mio motivo per perdere 2 kg. è solo che temo di fallire la prova costume non dimagrirò. Se invece io chiarisco a me stessa il motivo per cui per me è importante perdere questi 2 kg. quasi certamente ce la farò.

Questo è valido per qualsiasi tipo di desiderio si possa avere. Più saremo precisi nel definire con noi stessi quali sono le ragioni e le emozioni che ci muovono, maggiore sarà la possibilità di essere costanti ed efficaci.

 

Come fare chiarezza dentro di sé

 

Partendo dal presupposto che non esiste la ricetta universale valida per il genere umano, ci sono alcuni sistemi già sperimentati che funzionano per moltissime persone.

Nei prossimi post ne approfondiremo diversi, partiamo con semplicità con questo simpatico esercizio molto diffuso nel coaching, la ruota della vita.

Concediti qualche minuto in relax tutto per te. Se vuoi metti una musica che ti piace, mettiti comoda/o e prendi un quaderno e una penna.

infografica esercizio ruota della vita per fare chiarezza dentro di sé

 

Ora stampa o disegna la tua ruota. Dai un voto da 1 a 10 a ciascuna area della tua vita. Qual è il tuo grado di soddisfazione? Colora tutti gli spicchi corrispondenti al tuo voto per ciascuno dei settori proposti.

Puoi stamparlo e colorarlo o semplicemente disegnarlo sul quaderno. Non deve essere perfetto che tanto Giotto non lo vedrà, serve soltanto a te per capire da dove proviene la tua insoddisfazione. Sotto, se non ti fosse chiaro come procedere, ti metto un esempio dell’esercizio svolto che ho trovato in rete:

esempio ruota della vita compilata
 

 

Con una ruota sbilanciata come quella dell’esempio siamo tutti d’accordo che una bicicletta diventerebbe puramente decorativa, giusto?

Quando osservi il risultato del tuo lavoro non giudicarlo. Tieni conto che nessuno ha una ruota della vita omogenea in tutte le sue parti.

La tua ruota potrà risultare più o meno equilibrata, senz’altro, ma non è giudicarla il nostro scopo. Ti serve semplicemente per visualizzare e prendere coscienza con maggior precisione da dove origina la tua insoddisfazione.

 

Scrivi le prime dieci cose che ti vengono in mente per equilibrare la tua ruota

 

Per cosa desideri avere più tempo? Può essere che la tua area dello svago sia insufficiente. Magari esci presto al mattino e passi la giornata fino a sera al lavoro; senti di stare trascurando le tue passioni, i tuoi hobby e ciò ti crea insoddisfazione.

Oppure potresti avere un area della vita sociale insufficiente; magari hai tanto tempo disponibile ma ti manca di condividere esperienze con altre persone.

Scrivi quindi di getto le prime dieci idee che ti vengono in mente che ti farebbero sentire più soddisfatta/o della tua vita.

 

La tua top ten dei desideri del momento

 

Ora devi riordinare le tue dieci idee in una classifica di importanza da 1 a 10. Come?

Semplice, tra queste dieci cose che hai scritto sicuramente ce n’è una che ti fa battere il cuore più di tutte le altre. Questa sarà la tua numero 1.

Poi rileggi tutte quelle rimaste e di nuovo scegli quella che ti emoziona di più, questa sarà la tua numero 2 e via dicendo farai con tutte le altre per esclusione.

 

Sono rimaste le tre finaliste

 

Sono ancora troppe. Per ottenere un risultato concreto dobbiamo procedere passo passo e con una cosa alla volta.

Riesamina bene le 3 possibilità che hai scelto per aumentare il grado di soddisfazione della tua vita. Mantieni l’ordine che avevi stabilito? Puoi cambiarlo o mantenerlo com’è, partiremo con la tua idea numero 1, la vincitrice.

 

Come trasformare un desiderio in un progetto

Hai scritto tutto? Fare chiarezza dentro di sé in senso assoluto è difficile, portare i ragionamenti nel concreto aiuta molto a renderlo possibile.

Nei prossimi post inizieremo ad esplorare il fantastico universo della pianificazione e impareremo a trasformare la tua numero 1 in un piano d’azione concreto per raggiungere l’obiettivo.

 

Agata

ottimizzazione spazi abitativi

Tornare a casa non è più una gioia perché pensi a quanto lavoro hai ancora da fare per pulirla e riordinarla?

Nell’ambiente che occupi quotidianamente ci sono troppe cose e non trovi mai quello che ti serve subito?

Continui a girare a vuoto e non concludi tutto ciò che vorresti?

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Post che potrebbero piacerti