Viaggio senza contrattempi, come si pianifica?

La sfortuna ci vede benissimo ma tu (un po’) puoi fregarla

 

persona che indica un punto su una mappa - pianificare un viaggio senza contrattempi

Viaggiare è una delle più belle attività della vita per tantissime persone. Staccare la spina e scoprire nuove città, civiltà, paesaggi; assaporare cibi sconosciuti, respirare odori differenti, rilassarsi e cambiare il ritmo. Ci si ricarica per poi ripartire nella routine quotidiana arricchiti di una nuova emozionante esperienza.

Se vogliamo godercela e conservarne i benefici anche al ritorno, è importante porre l’attenzione su alcune questioni, che, se ben pianificate, ci eviteranno fastidiosi contrattempi ed imprevisti dell’ultimo minuto.

 

I documenti personali per viaggiare

 

Abbiamo già visto in altri post come l’avere i propri documenti in ordine sia importante per evitare noiosissime questioni burocratiche. Ecco perché se pensi di andare in Brasile, Kenya o Nuova Zelanda è indispensabile controllare prima di prenotare di avere il passaporto in corso di validità.

Può volerci infatti parecchio tempo dalla richiesta prima di avere il passaporto o anche solo per rinnovarlo, non riuscire ad averlo in tempo per la partenza e aver già pagato può diventare una seccatura.

Se invece stai valutando una viaggio in Italia o in un paese europeo è sufficiente dare un’occhiata alla tua carta di identità e verificarne la scadenza. Se anche non fosse più valida puoi rinnovarla molto velocemente, non è un problema.

gambe e scarpe fuori dal finestrino di un auto

Qualora tu stia pianificando un viaggio in macchina è fondamentale tu abbia il tempo di fare la revisione, il tagliando o pagare il bollo se già non sei in regola con questi adempimenti.

Non vorrai mica che ti fermino durante il viaggio e ritrovarti con una multa stratosferica o il sequestro dell’auto lontano da casa! Per lo stesso motivo controllare che anche la patente sia in ordine è una mossa vincente.

Infine farsi una fotocopia di tutti i documenti e portarla con sé in valigia (solitamente i documenti originali è bene tenerli addosso) può essere una grande idea nel caso tu li perda o te li rubino. E’ un’eventualità rara per fortuna ma non per questo meno insidiosa del buonumore vacanziero se non puoi immediatamente rimediare.

 

La prenotazione (quella fatta bene)

 

E’ capitato a una persona che conosco, estremamente in gamba, di aver fatto distrattamente una prenotazione per un mese differente da quello che voleva e ritrovarsi a Londra senza volo di ritorno.

Non è niente di che, si risolve, non è la morte di nessuno. Se però vogliamo evitare questo genere di contrattempi basta semplicemente controllare con calma le prenotazioni. Sia quando le fai (se te ne occupi personalmente via internet) che quando hai le ricevute in mano, controlla sempre due volte tutte le date e gli orari.

 

Checklist degli indispensabili per partire

 

checklist degli indispensabili per pianificare un viaggio senza contrattempi

La checklist è una dettagliata lista di controllo. Si tratta di un elenco esaustivo di cose da fare o da verificare per eseguire una determinata attività.

Approfondiremo questo metodo di organizzazione, che io uso tanto, come uno dei più validi sistemi in assoluto per non dimenticarsi le cose.

Quando effettuo la prenotazione di un viaggio, o in seguito se non riesco subito, è bene fare la lista di quelle cose che non si possono dimenticare. Ad esempio tanto vale che mi porti il cellulare se non ho con me un caricabatterie; se seguo una cura mi serviranno i medicinali che sto assumendo e via dicendo.

In caso di dimenticanza, ad esempio di quanto sopra, il criterio è che è indispensabile ciò che non sono certo di poter acquistare quando arrivo a destinazione, che sia per motivi di prezzo o di reperibilità.

 

Animali & Co.

 

cane e gatto

Se possiedi un cane, un gatto o un qualsiasi altro animale domestico, preoccupati subito di trovare chi se ne occuperà mentre tu sei via.

Non è detto che troverai in qualsiasi momento un dogsitter o una pensione per animali libera, specialmente in periodi di alta stagione come agosto. Prima risolvi questa questione meglio è, ovvero subito dopo aver prenotato il tuo viaggio.

 

 

Budget di viaggio

 

tasche vuote

Trovarti prima di partire senza soldi, avendo magari già prenotato e pagato i biglietti di trasporto, potrebbe influire molto negativamente sul tuo umore.

Fare una vacanza al risparmio del centesimo non è esattamente l’ideale per rilassarsi e staccare la spina. Appena prenoti, stabilisci quanto vuoi portare con te da spendere e fai in modo di avere quel denaro disponibile alla partenza.

Meteo

 

arcobaleno

Un paio di giorni prima di partire dai un’occhiata al meteo della località dove andrai a soggiornare.

Pur essendo auspicabile trovare il clima per cui si è scelta una località piuttosto che un’altra, la realtà, anche a fronte dei recenti cambiamenti climatici, potrebbe non corrispondere ai tuoi desideri.

La vacanza resta comunque gradevole e tale, anche in condizioni meteorologiche non idilliache, quando ci si è premuniti e non si è costretti a correre a fare acquisti dell’ultimo minuto.

 

 

Il rientro a casa

 

frigorifero vuoto

Hai fatto una vacanza indimenticabile e ti sei ricaricata/o. Stai tornando a casa, il viaggio è pesante e sei un po’ triste ma sai che a breve potrai tornare a dormire nel tuo letto e ritrovare la tua abitazione, il tuo rifugio, in ordine e pronto ad accoglierti.

Invece salendo le scale senti un odore acre e fastidioso. Apri la porta e il tanfo si è fatto più pungente. Cerchi di accedere la luce ma l’interruttore non scatta. Purtroppo mentre eri via c’è stato un temporale ed è saltata la luce. Tutto il contenuto del tuo freezer è andato a male e c’è acqua a terra.

Conosci un metodo migliore di rovinarsi il rientro? Puoi prendertela con la sfortuna o prevenire questo genere di sgradevoli contrattempi preoccupandoti di svuotare frigo e freezer prima di partire, staccare gas e acqua per evitare perdite mentre sei via (e le relative grane) e staccare tutti gli elettrodomestici per evitare corto circuiti. La sfortuna ci vede benissimo, ma se non l’aiutiamo… 🙂

Nel prossimo post parliamo di come fare la check list degli indispensabili per partire e su come organizzare bene la valigia. Per non perderlo iscriviti subito alla Newsletter.

 

Agata

ottimizzazione spazi abitativi

Tornare a casa non è più una gioia perché pensi a quanto lavoro hai ancora da fare per pulirla e riordinarla?

Nell’ambiente che occupi quotidianamente ci sono troppe cose e non trovi mai quello che ti serve subito?

Continui a girare a vuoto e non concludi tutto ciò che vorresti?

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Post che potrebbero piacerti

10 cose utili da fare in casa

10 cose utili da fare in casa a Gennaio

Per semplificare, organizzare e godersi la vita Terminate le festività natalizie capita spesso di sentirsi gonfi di cibo e bagordi e sopraffatti dall’enorme quantità di